MeteoBrebbia, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu secondario | piè di pagina
logo dell'Associazione Varesina per l'Eco-Speleologia

via IV Novembre, 27
tel. 0332 770456
fax 0332 970730
sei in home >> archivio dati >> brevi note

contenuto

I ricordi di Enrica Barboni, la memoria storica di Brebbia.

UN DIVERTENTE VIDEO

La torbiera "Pavidolo", delimitata dalla strada per Malgesso, già patrimonio di carbone fino all'ultima estrazione del 1884, divenne successivamente un'area prativa.
Nella stagione autunnale degli anni '30, per le abbondanti piogge si trasformava in un laghetto.
Su quelle trasparenti acque, i ragazzi navigavano a bordo di vecchie madie ... senza gambe.

GLI AUTUNNI PRECEDENTI LA 2° GUERRA MONDIALE

La campagna di Ronchée ai piedi del Puzùn e della Bréle, subiva i lunghi periodi di incessanti piogge. La zona un po' concava ed il terreno impermeabile favorivano il ristagno delle rabbiose acque nei campi di granoturco e tra i mucchi di fieno settembrino (terzeu).
A volte l'acqua tracimava dall'area, attraversava l'attuale via Petrarca e da via Digri scendeva verso la località Sué.

LUNEDÌ 10 FEFFRAIO 1947

Una tempesta di neve, un turbine di fiocchi accompagnarono il corteo funebre, preceduto dallo spartineve trainato dai buoi, da Brebbia superiore alla chiesa parrocchiale. Difficoltoso fu l'ingresso al cimitero, impossibile la tumulazione della salma.

DOMENICA 4 MAGGIO 1975

"Beato quel morto quando piove sul suo corpo".
Proverbio appropriato alla memoria del nostro indimenticabile don Guido Macchi, parroco per diversi anni a Brebbia.
Il giorno del suo funerale, la torrenziale pioggia si trasformò in un pianto di dolore!

2 FEBBRAIO 1985

"Per la Madonna della Candelora dall'inverno siamo fuori".
Il proverbio fu veritiero. Infatti, alla fine di gennaio, una tempesta di neve concluse l'eccezionale bianco inverno.
Quell'anno i nevai raggiunsero alti livelli e fu difficoltoso spazzare le stradine ed i cortili servendosi solo di pale e badili.
Prevalse il detto consolante "Sotto la pioggia c'è fame, sotto la neve c'è pane".