MeteoBrebbia, navigazione veloce.
menu principale | contenuto principale | menu secondario | piè di pagina
logo dell'Associazione Varesina per l'Eco-Speleologia

via IV Novembre, 27
tel. 0332 770456
fax 0332 970730
sei in home >> archivio dati >> 2006 >> novembre

contenuto

Statistiche meteorologiche 2006 : NOVEMBRE

Con l’inizio di Novembre giungeva la prima fase fredda della stagione autunnale. Sull’Italia, infatti, transitava un fronte freddo con discesa di aria artico-marittima dal Mar di Norvegia verso le Alpi ed i Balcani.

fronte freddo in discesa dall'Islanda cartina barica










Esso era seguito da una turbolenta fase favonica che portava tempo assolato e cielo limpido, ma anche un progressivo calo della temperatura (-2.5°C il giorno 4) con gelate al cadere del vento.

Dopo la fase fredda che aveva favorito il ritorno di qualche precipitazione sul medio e basso Adriatico e le prime nevicate sulle zone appenniniche centro meridionali, nella settimana successiva si assisteva al movimento verso levante dell’anticiclone delle Azzorre con un deciso miglioramento, condizioni di stabilità e a temperature gradevoli su tutta la Penisola.
Le piogge di settembre avevano fatto ben sperare per un recupero autunnale delle riserve idriche, ma le zone anticicloniche dominavano nei giorni seguenti, a scapito delle depressioni fredde del nord Europa che avrebbero potuto portare le precipitazioni di cui Necessitava la Penisola e, in particolar modo la Pianura Padana.  

Nella seconda decade si attivava una circolazione da N-ovest; in essa si inserivano diversi fronti perturbati atlantici; Essi scorrevano sul margine di un anticiclone di matrice tropicale, producevano precipitazioni e nevicate da stau sui versanti esteri, ma solo fenomeni di foehn sulla Pianura Padana.

cuneo anticiclonico di matrice africana area ciclonica in transito a Nord delle Alpi promontorio anticiclonico europeo








Nella terza decade la circolazione si orientava da Ovest; una vasta area depressionaria atlantica faceva affluire verso la nostra Penisola estesi corpi nuvolosi alimentati da aria umida proveniente dai settori meridionali, ma alla copertura nuvolosa che per diversi giorni interessava soprattutto il Centro Nord, si accompagnavano solo pioviggini.
Anche novembre, ultimo mese dell’anno meteorologico 2006, risultava un mese particolare: mancate le grandi piogge autunnali e temperature superiori alla norma (+ 2,7°C l'incremento della temperatura media), complice la presenza sul Bacino del Mediterraneo di una figura anticiclonica di stampo sub tropicale, che aveva impedito l'ingresso deciso delle grandi depressioni atlantiche, nonché degli impulsi freddi in arrivo dal nord Europa.


Osservazioni e misure
NUVOLOSITÀ INSOLAZIONE in % PIOGGIA in mm/mq NEVE
gg. sereni gg. variabili gg. coperti media mese media 16anni diff. mm mese media 20 anni diff. cm mese media 20 anni diff.
14 5 11 36,2 36,0 -0,2% 52,1 166,9 -69% 0 2,0 -2,0
NOVEMBRE '06 : Incremento/deficit pluviometrico dal 01.12.2005 al 30.11.2006 = -502,4 mm/mq
TEMPERATURA in °C
media mese media 20 anni diff. max mese g.no max storica anno min mese g.no min. storica anno
9,78 7,09 +2,69 22,0 10 22,0 2001 -2,5 4 -7,6 1998

La stagione autunnale risultava insolitamente mite, con un incremento di 2,5°C della temperatura media, ma venivano a mancare, soprattutto in Ottobre e Novembre, le piogge autunnali necessarie a colmare il deficit idrico annuale e necessarie a ricaricare le falde acquifere che alimentano gli acquedotti.